• Damiano D'Amici

Introduzione alla blockchain

Salita alla ribalta grazie alle criptovalute, la blockchain è una delle tecnologie del momento. Per capire come questa tecnologia possa incontrare le vostre necessità, il blog di Smart Shaped ospiterà una serie di articoli dedicati al tema. In questo primo articolo introdurremo la blockchain illustrandone brevemente natura e funzionamento.



Cosa è una blockchain?

Una blockchain è un registro digitale distribuito dove è possibile memorizzare dei record (o transazioni) in modo sicuro, permanente, e verificabile. Come in un registro, dove le varie voci sono raggruppate (e ordinate) in pagine, i record di una blockchain sono raggruppati in blocchi concatenati in ordine cronologico. Questo fa sì che l’interpretazione delle informazioni contenute in una blockchain sia univoca: ogni transazione ha infatti il suo specifico indirizzo in un blocco, ed ogni blocco ha una specifica posizione nella catena.


Per garantire la veridicità delle informazioni relative ad una transazione (ed escludere eventuali manipolazioni da parte di terzi) ogni record contenuto nei blocchi della catena viene firmato digitalmente tramite crittografia asimmetrica. Ciò consente di poter ricondurre con assoluta certezza la transazione al firmatario senza possibilità che la sua firma possa essere compromessa, rendendo dunque le informazioni memorizzate nella catena facilmente verificabili e di sicura attribuzione.


La natura distribuita della catena va invece ad ovviare alla necessità che le transazioni in essa memorizzate siano immutabili, ovvero che ne sia impossibile qualsiasi cancellazione o modifica. Ciascun nodo della rete che la gestisce ne possiede una copia privata, e un protocollo condiviso garantisce la coerenza tra le copie private di ogni nodo e regola globalmente l’aggiunta di nuovi blocchi. Una volta che un record viene scritto in un blocco (e che il blocco viene aggiunto alla catena), il record non può essere alterato senza che, oltre al blocco stesso, vengano a cascata modificati tutti i blocchi successivi. Questo rende di fatto impossibile l’alterazione dei dati contenuti in una blockchain a meno di non avere il consenso della maggioranza della rete, conditio sine qua non per propagare la versione alterata della catena a tutti gli altri nodi.


To be continued: applicazioni

Nonostante la sua fama sia legata a doppio filo con gli esponenti più in vista del mondo delle cripto come Bitcoin ed Ethereum, l’utilizzo della blockchain non è limitato solamente a questo campo. La tecnologia trova infatti numerose altre applicazioni in ambiti dove, similarmente alle criptovalute, è necessario che la registrazione di informazioni sia sicura, permanente, e verificabile. Nel prossimo articolo andremo più a fondo su questo aspetto ed esploreremo nel dettaglio le principali applicazioni della tecnologia al di fuori delle criptovalute.